Occhiali con filtro per la luce blu: ecco come proteggere gli occhi dalla luce blu.

Gli occhiali dotati di uno speciale filtro per la luce blu riducono la luce blu a corto raggio, come quella dei dispositivi digitali, alleviando lo stress visivo. Ma quando la luce blu causa effettivamente danni? In quali casi è opportuno usare occhiali che la filtrino? E a cosa bisogna prestare attenzione al momento dell’acquisto? Ecco le risposte alle domande più frequenti

Cos’è la luce blu?

Diversamente dai raggi X o ultravioletti, la luce blu è visibile allocchio umano. Ha una lunghezza d’onda compresa tra 380 e 500 nanometri e quindi fa parte della luce a onda corta, con effetti positivi sulla nostra salute solo fino a un certo punto: ad esempio, la luce blu emessa dal sole riduce l’ormone del sonno melatonina e ci mantiene così svegli e produttivi. Ma la luce blu può anche mettere alla prova l’occhio umano.

Quand’è che la luce blu causa danni?

Un’esposizione molto prolungata alla luce blu può essere dannosa per gli occhi e dare al corpo segnali errati che influiscono in modo duraturo sul benessere e il ritmo sonno-veglia. Il problema è che non solo il sole emette luce blu, ma anche i dispositivi digitali come gli smartphone o il televisore e i nostri occhi non sono capaci di distinguere tra la luce del giorno e quella dello schermo. Anche le luci LED emettono parecchia luce blu. Quindi è consigliabile ridurre la luce blu a cui si è esposti ogni giorno, soprattutto per chi trascorre molto tempo davanti a uno schermo.